martedì 13 aprile 2021

Zia Esterina

 

eucaria in fiore

Sono rientrato da poco dalla città dopo 6 settimana di rosso.
Sempre più traffico e odoraccio di macchine .
Diverse faccende e poi la visita a zia Esterina.
L’ultima vecchia della mia famiglia.
Tra lei e la nonna Giannina 190 anni se continua a vivere. Giannina 104 la Esterina 86 e va per un anno in più.
Ancora lunghi sprazzi di lucidità me mi riconosce sempre, sa che sono rimasto dove è nata e vissuta.
Basta che gli ricordi quei luoghi e alcuni particolari che gli si accende la luce negli occhi.
Stasera l’aveva con la sorella che gli aveva portato via tutte le foto della loro infanzia, anche se non è vero; la figlia mentre raccontava  scuotendo la testa.
- sai da noi non c’era il fotografo e quando dopo 3 maschi siamo nate noi tre sorelle..
mi sono ghiacciato, non la sapevo questa
-come tre?  Zia!
- si Brigida se ne è andata a 9 anni e non avevamo nemmeno  - - una foto,
 - pensa?
quando morì e si portò al paese vicino per la sepoltura, all’Aiale non avevamo il cimitero, a quei tempi, ma ancora per 4 case non c’è.
- quando arrivammo giù la Brigida fu tolta dalla cassa e messa su una sedia e fotografata.
Ecco perché questa l’ho voluta raccontare e da stasera caccia a quella foto. Il mio cellulare brucerà fino a tardi.

anche le brocche si animano con fantasia


 

38 commenti:

  1. Gli anziani e i loro ricordi anche se sfocati, ci sono sempre cari!
    Grazie della visita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei li ho persi da giovane le zie sono le mie radici.
      Vorrebbero mille racconti che spesso mi fanno soffrire, ricordare.
      Buona giornata

      Elimina
  2. È terribile la vicenda accaduta a Brigida, ma vera.
    Mia madre aveva una sorella che morì investita a soli sei anni, all'inizio degli anni Settanta.
    Per poter mettere la foto sulla lapide, la fotografarono già morta.
    Le poche volte che sono andata a trovarla al cimitero ho sempre avuto la pelle d'oca. Mamma mia. 😔

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buongiorno Claudia, ho cercato tra parenti e conoscenti e hanno promesso aprire le scatole delle loro foto passate. Sono curioso di vedere la foto. Non bisogna aver timore dei morti ma dei vivi Claudia

      Elimina
  3. Un lampo negli occhi da viva vale, in memoria, mille foto a sbiadire sotto pioggia e vento di rimando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Franco, potrei raccontare una vita intera che troverebbero il verso di stare ad ascoltare con ansia come ragazzine. Sono le mie radici e temo molto per la loro salute, hanno fatto già il vaccino per fortuna

      Elimina
  4. Venire da Te è fare sempre un tuffo in mille cose belle. Cosa c'è di bello? Il modo in cui descrivi anche le cose tristi!
    Grazie!
    PS. Anche io odio andare in città.. l'aria e gli umori sono così sporchi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Sara non ho un gran lessico, scrivo di botto come il cuore comanda. Spesso vado a dritto e poi divido con punti e virgole. Grazie dei complimenti, Hanno ricevuto entrambe il vaccino e questo mi tranquillizza

      Elimina
    2. Sarà colpa del cuore allora!
      Bene per il vaccino, anche i miei genitori sono stati vaccinati, un pensiero in meno!

      Elimina
    3. Cara Sara le cose vengono come le folate di vento che muove i sentimenti. Capita di avere tanta morbidezza da esplodere perché non la puoi trattenere e allora prendo il cellulare e detto, ma spesso le parole sono scarse e rimango col cuore in apnea.

      Elimina
  5. Bonjour Andrea,
    Parfois, il suffit une parole d'une personne âgée pour comprendre bien des choses et je comprends que tu aies été stupéfié.
    Belle journée et bonne continuation avec mes amitiés ♥

    RispondiElimina
  6. buongiorno Denise, sono le mie radici e gioia vedere che stanno bene e sono ancora indipendenti. La zia Esterina è innamorata delle tele novelle, TV a giornata. Hanno voglia di giovani e io sono un ragazzaccio...magari. Denise non mi lascerebbero mai andare via.

    RispondiElimina
  7. A noi paiono terribili certi fatti che un tempo erano normalità e oggi, per fortuna, sono lontani. Un'anziana vicina mi raccontava che gli abitanti di un borgo montano vendevano i figli ai commercianti che transitavano nel loro territorio e lo facevano sapendo che non li avrebbero rivisti... ma quel poco denaro che ne ricavavano serviva a non far morire di fame i più piccoli ed allora ci si consolava sperando che quel distacco fosse solo momentaneo.
    Penso che i nostri antenati, abituati a un mondo solidale, vivibile, e pulito, inorridirebbero vedendoci vivere questa epoca dove esistono moderne atrocità a cui siamo abituati.
    Ciao Andrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le nostre radici, Sari, cose severe e per fortuna lontane.
      Diciamo che grazie a loro siamo cresciuti e più civili?
      Godiamo di questo benessere e di questo cresciuta socialità.
      La povertà è sempre presente ma più assistita.
      Puoi capirmi per la sorpresa e la mia voglia si vedere quella foto ma ancora non ci sono novità e l'ho chiesta a tutti i parenti che ho potuto contattare.
      Buona giornata

      Elimina
  8. Quelle persone care, e in là, con gli anni, alle quali dedichiamo attimi della nostra vita...
    Cari saluti,silvia

    RispondiElimina
  9. Le mie radici e le ultime zie che possono testimoniare nei brevi momenti di lucidità. Sono affettuosissime, da strizzare

    RispondiElimina
  10. Gosto de tuas memórias e teus textos. Lembrar e valorizar os idosos da família e os demais, vale sempre! E eles tem muitas memórias embaralhadas, mas tantas outras bem reais! Adorei a foto com essa floração! abraços, chica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona sera chica, gli anziani sono le nostre radici e la nostra storia. Piace ascoltarli come piace ascoltare me che gli ricordo i luoghi dove hanno trascorso la loro giovinezza. Ricordo dei particolari che sgranano gli occhi compiaciute perché in qui luoghi hanno delle storie da rendere ancora vive nella mante

      Elimina
  11. Oh Signur che cosa triste, povera piccola Brigida e tu pensa Andrea che sofferenza per la tua zia Esterina ricordare questo evento doloroso😞
    Un caro saluto Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon pomeriggio Susanna, sai che si ricorda tanti particolari di 70 anni fa che è sconcertante. Poi si fissa come con quella foto, ma non manca di voler per forza sapere dove ha nascosto la figlia i lenzuoli ricamati del suo corredo matrimoniale.
      Tanta pazienza per la figlia che la custodisce dopo la mancanza di Mario suo marito

      Elimina
  12. La vita di una volta era molto semplice e piena d'amore.
    Goditi finchè puoi queste zie.
    Buon pomeriggio
    Rakel

    RispondiElimina
  13. Buon pomeriggio Rakel, hai ragione quando posso scendo in città e un salto da loro lo faccio sempre. Di estate se la salute lo permette viene su nel paese natio, rinasce

    RispondiElimina
  14. Ma che bel età, che bello invecchiare bene. Ciao buona giornata

    RispondiElimina
  15. Buon pomeriggio Valeria, speriamo anche per noi, visto il complicarsi della situazione
    Vaccinata?

    RispondiElimina
  16. Che bello arrivare sani e salvi a quelle età ! Certo solo se si riesce ad invecchiare bene, come oggi succede spesso, per fortuna. Certo ai loro tempi le foto erano meno presenti che negli anni della nostra vita. Ora forse ce ne sono fin troppe ed alcune sarebbero perfino inutili. Nota che io amo molto la fotografia. Solo che alcune foto proprio non vogliono dire nulla o poco e sono anche fatte male, in certi casi. un saluto e buona continuazione di settimana

    RispondiElimina
  17. Buin pomeriggio Elfa, hai ragione fanno pubblicità ai cellulari come macchine fotografiche invece sono nati per altro. Come fotografo lascio a desiderare più esperto come botanico e chimico. Tu posti dei disegni che qualche volta ti ho copiato perché fanno parte della mia storia fantastica.

    RispondiElimina
  18. Che bello avere ancora delle zie che nonostante l'età sono ancora lucide e in gamba.
    Mi piace una tua risposta che hai dato ad un tua commentatrice : "Bisogna aver paura dei vivi non dei morti. "

    Un caro saluto per un buon fine settimana .
    Rosy

    RispondiElimina
  19. buongiorno Donna, si e spero di verle ancora per tento tempo, sono le mie radici e visto che i miei sono morti giovani, il tumore se li è presi cinquantenni manca l'aggancio. Poi con le loro uscite sono anche allegre inconsapevolmente

    RispondiElimina
  20. Sai una cosa che ho notato nella foto...il centrino giallo sotto la caffettiera...io ne ho molti fatti così, le ha realizzati nonna Mada, li ha anche personalizzati per i miei figli...azzurro per Andrea e rosa per Michelle. Me l'hai ricordata grazie

    RispondiElimina
  21. X i centri è la Bice che se ne occupa. Ha le mani d oro è una ricamatrice professionista. Vedessi chn lenzuoli, federe e asciugamani. Centinaia di euro e mettiti in fila.

    RispondiElimina
  22. ¡Hola, Andrea!
    Qué gusto pasar por tu casita! Me ha encantado tu post. He recordado a mis abuelas ahora ya fallecidas. Cuántas historias bonitas he vivido a su lado. Los domingos en su casa junto a la familia, era lindo estar todos reunidos a lado de ellas.
    Gracias por compartir tan bonita anécdota. Ah,tu celular no se quedará. Un fuerte abrazo y saludos desde Perú. 🌷😘🇵🇪

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon pomeriggio Nuria Lourdes, le mie radici e la mia storia. Si ricordano di tanti particolari che mi ricordano la mia infanzia e l'infanzia dei mie genitori persi in tenera età.
      Hanno una veneranda età e voglio godermeli prima che riposino nel Padre

      Elimina
  23. Risposte
    1. Buon pomeriggio Kinga
      L'eucaria il cactus nel boccale da birra?
      L'eucaria pianta della terra del fuoco che fiorisce ogni anno con pannocchie giallastre e che se scosse mandano in aria una nebbiolina di polline e meta di nidi di cardellini e scanzata dagli altri uccelli. Una pianta di 12 metri di altezza stupenda.

      Elimina
  24. Quanti ricordi custodiscono e con loro se ne andranno perché siamo tutti sempre meno attenti..quando è morta mia nonna sono stata l'unica che ha voluto scatole di foto, con mio padre feci il nostro albero genealogico ed andai nella parte piu vecchia del cimitero per dare una storia a quelle foto..che dono immenso vivere cosi tanto io i genitori li ho persi cosi giovani..
    Buona serata prof un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Buon giorno Ness1, pensa che la zia non rinuncia ogni sera al suo orzo con un cucchiaione di grappa Nonino e non disprezza a casa mia l'estate un bianchino corretto con aperol. E' tremenda vecchia ufficiale delle poste ne sa una più del diavolo. Il ragù è cosa sua e sentissi che profumo. Me la godo alcune settimane ogni estate.

    RispondiElimina
  26. Conoscevo questa pianta, ma non l'avevo mai vista in fiore. Una fioritura originale. Complimenti a queste tue parenti avanti negli anni...la mia mamma anche lei è messa bene, ha compiuto 88 anni a Febbraio, un pò acciaccata, ma è ancora lucidissima e pensa che guida ancora la macchina per le commissioni. Certo che povera Brigida...
    Un caro saluto e buona settimana!

    RispondiElimina
  27. Buina sera Giovanna ho letto cose belle da te e grazie. Gli anziani sono le nostre radici, la nostra storia di come eravamo ragazzi. Mi ricorda di marachelle e tante, delle prime ragazze....

    RispondiElimina