sabato 3 luglio 2021

Dispiace

 


A mezzogiorno era ancora fresco quando ho lasciato Ponte le Venturina, la Porrettana sono arrivato finalmente a scollinare verso la mia borgata, Aiale. 

La cosa più forte e colpito, il profumo dolce intenso delle fioriture di sambuco e di acacie 

Li avevo lasciati in boccio e non ci speravo più dopo questo inverno così pieno di neve efreddo

I tigli piantati dal trisnonno  Olinto nel 1902 sono giganteschi ma ancora indietro nella fioritura, hanno i boccioli pronti a sbucciare

Nonno Olinto aveva la concessione stradale, era il cantoniere tra la colonna di Mamiano e Montecatini Alto 42 km

Aveva due garzoni e a scappatempo via, via piantava dove poteva alberi a ombreggiare la sua strada 

Oggi nonostante tanti mezzi soffre di manutenzione è un  po' in abbandono.

Dispiace



22 commenti:

  1. Anzi che tanto daffare generazionale sia ancora lì a testimoniare ombre, odori, memorie. A volte un progresso cieco cancella secoli in un amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco di aver capito un po' il mio messaggio non riesco a pubblicare la foto non so più proprio come fare

      Elimina
  2. Che bello è quando oggi possiamo tornare indietro nel tempo con doni lasciati dai nostri nonni? I profumi, poi, sono la miglior macchina del tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Paola i nonni gli zii... in ogni famiglia ci sono dei ricordi molto vivi di un passato recente quando il carattere e l'originalità di chi ci ha preceduto ci ha spinto a fare meglio spesso non riuscendoci

      Elimina
  3. Una volta si aveva più cura della natura, anche se c'erano meno mezzi e si faceva più fatica. Ma gli alberi cercano di resistere al tempo come possono e i tuoi tigli sono lì a ricordarti il nonno che li aveva piantati.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Katherine non solo il ricordo dei miei vecchi, ma anche occasione per le api di fare un miele speciale e che profumo
    Un ombra rigenerante

    RispondiElimina
  5. Profumo di tiglio che bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Marta I Tigli secolari sono enormi migliaia e migliaia di fiorellini che stanno per sbocciare e sento già il ronzare delle api che li assaliranno
      sono una presenza ormai consolidata nel mio paesaggio ma anche nella mia storia
      Abbi cura di te

      Elimina
  6. Immagino il profumo delle fioriture di Sanbuco. Che bello! Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona sera Valeria, non solo il profuma ma la voce di un nuvolo di api indaffarate alla raccolta del nttare.
      Le immagino col loro grembiolino per evitare di sbrodolarsi

      Elimina
  7. Risposte
    1. Troppo gentile non sono un intellettuale anzi un bracciante Montanara

      Elimina
  8. Risposte
    1. Buongiorno Rajani Grazie dei complimenti anche oggi si presenta una giornata calda nuvolosa le mosche pizzicano

      Elimina
  9. Capisco il dispiacere che provi, capita anche a me quando visito antiche residenze dei miei avi (che non mi appartengono) e che ora versano in condizioni disperate. :-(
    La natura sa badare a sé stessa e gli alberi sono organismi viventi molto tenaci!
    Buona estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno e buona estate anche a te Mister Lotto
      Dammi il bosco sta riconquistando i campi e le radure in tempo Preziosi Per sfamare questi Montanari
      Mi chiamano il Montanaro perché non ad abbandono la mia terra anzi la cura con amore e tanta pazienza ringrazio ogni sera di avermi dato tanto E gioisco in fondo al cuore voglio saputo che gli avi ci sorvegliato. Credo che spesso mi sono vicini con la loro essenza spirituale'

      Elimina
  10. Bel Post e bellissimo posto. Sembra anche a me di sentire l'odore dei fiori di Sambuco. Certo in Italia la questione manutenzione troppo spesso è un problema. Le infrastrutture ed i posti di una certa età andrebbero curati molto di più di quanto di solito lo siano effettivamente. Un saluto e buona estate

    RispondiElimina
  11. Buonasera Elfa
    Hai ragione la manutenzione delle strutture 900 sono abbandonate i muri in pietra sono sostituiti da guardereil di lamiera zincata, le piante secolari abbandonate a sé stesse e gli asfalti pieni di buchi
    Diciamo pazienza ma è in decoroso per una nazione che si ritiene la settima potenza industriale mondiale

    RispondiElimina
  12. Hai ragione: è veramente triste vedere che non c'è più cura della bellezza in questo paese.
    Ad ogni modo, i tuoi post riportano sempre alle cose belle e semplici di altri tempi.

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Rossella hai ragione molto spesso mi guardo indietro La storia sembrano insegnare poco dove abito io
    quello di oggi è un presente doloroso
    Abbiamo l'abbandono dei nostri paesi di montagna la mia Borgata resiste e di questo ne sono molto lieto Aiale montagne pistoiesi

    RispondiElimina
  14. Concordo, con te! Dispiace sempre, vedere un qualcosa abbandonato, specie quando la ricordiamo in efficienza!

    RispondiElimina
  15. Buona sera Unkown hai ragione nn fanno più manutenzione minuta ma aspettano il grosso finanziamento. Con pochi € spesso si recurarebbero beni collettivi con pochi acciacchi
    Pazienza, ma verrebbe da incazzarsi

    RispondiElimina